Ihre Browserversion ist veraltet und wird nicht länger unterstützt. Bitte aktualisieren Sie Ihren Browser.

110 giovani cominciano la nuova professione «impiegato/a in comunicazione alberghiera AFC»

28.08.2017

Un lavoro preliminare protrattosi sull’arco di più anni produce ora i suoi frutti: questo mese, sull’intero territorio nazionale, circa 110 giovani inizieranno la loro formazione professionale di base come «impiegato/a in comunicazione alberghiera AFC» (ICA). hotelleriesuisse è stata intensamente coinvolta nello sviluppo di questa nuova professione accolta con entusiasmo dai giovani, dando così un segnale forte nella lotta alla carenza di specialisti. In concomitanza all’inizio dell’apprendistato, l’associazione ringrazia tutti i partner con l’«ICA-Party», all’hotel Schweizerhof di Berna.

Una delle misure più importanti sui cui il settore ha puntato per far fronte alla carenza di specialisti consiste in una nuova figura professionale. Ad agosto ha inizio il primo anno di formazione quale Impiegato/a in comunicazione alberghiera: un indubbio valore aggiunto per il settore. La formazione di base trasmette le competenze vertenti sul contatto diretto con gli ospiti, il marketing e i lavori amministrativi. Lavorando in rete, gli specialisti formati in comunicazione sono in grado di gestire molteplici compiti. Imparano a conoscere i nessi esistenti fra un esercizio alberghiero e le esigenze dei clienti e comunicano avvalendosi dei nuovi media, caratterizzando così in maniera decisiva l’immagine delle strutture del settore. Questi professionisti, nell’ambito della loro formazione, sono inoltre posti al beneficio di conoscenze approfondite in ambiti quali la gastronomia di tendenza e la sostenibilità.

L’entusiasmo dei giovani per la nuova professione attesta come la medesima sia al passo coi tempi.  Questo mese d’agosto, sull’intero territorio nazionale, circa 110 giovani intraprendono la loro formazione professionale di base come «impiegato/a in comunicazione alberghiera AFC». La nuova professione offre un enorme potenziale d’innovazione anche alle aziende formatrici poiché i nuovi mezzi di comunicazione digitale giocano un ruolo importante nella formazione e l’obiettivo è chiaramente focalizzato sulla qualità dei servizi e sulle esigenze dei clienti.

L’organismo di formazione è la Hotel & Gastro formation Svizzera, l’istituzione di formazione congiunta di hotelleriesuisse, Hotel & Gastro Union e GastroSuisse. L’introduzione del nuovo apprendistato professionale è sostenuta da Innotour, il programma di promozione per l’innovazione, la collaborazione e lo sviluppo delle conoscenze nel settore del turismo della Segreteria di Stato dell’economia SECO.

A coronamento della conclusione di questo ampio lavoro di progetto, hotelleriesuisse ha diramato l’invito per l’«ICA-Party» del 17 agosto 2017, all’Hotel Schweizerhof di Berna. Le associazioni coinvolte hanno così voluto ringraziare tutte le persone coinvolte nel progetto, in particolare gli attori delle diverse commissioni e dei gruppi di lavoro. Il 18 agosto 2017, sarà costituita a Weggis, sede principale di Hotel & Gastro formation Svizzera, la Commissione per lo sviluppo professionale e la qualità, incaricata dell’ulteriore futuro accompagnamento dell’evoluzione della professione.

Foto 1: Consegna a Weggis (da sinistra a destra):
Jodok Kummer, CSFP (VS)
Claudia Züllig, albergatrice Schweizerhof Lenzerheide
Thomas Bissegger, Responsabile Settore Cucina / Produzione Hotel & Gastro formation e miglior cuoco del mondo 2007 & 2010
Roger Augsburger, CSFP (ZG)
Arlette Scheidegger, Vicedirettrice Continental-Park Lucerna
 

Foto 2: HOKO Party (da sinistra a destra):
Max Züst, Direttore Hotel & Gastro formation
Peter B. Grossholz, Presidente Commissione di riforma
Ueli Schneider, Responsabile Formazione hotelleriesuisse
Janine Bolliger, Presidente Commissione B&Q, capoprogetto nuova professione hotelleriesuisse

Indietro alla panoramica