Ihre Browserversion ist veraltet und wird nicht länger unterstützt. Bitte aktualisieren Sie Ihren Browser.

Nessun onere aggiuntivo per il ramo alberghiero – no all’uscita dal nucleare

Berna, 09.11.2016

Per il settore alberghiero, l’accettazione dell’iniziativa per l’uscita dal nucleare comporterebbe elevati costi aggiuntivi, ridurrebbe la sicurezza di approvvigionamento e accentuerebbe la dipendenza dall’estero. hotelleriesuisse respinge pertanto questa iniziativa in modo deciso.

L’iniziativa per l’uscita dal nucleare postula il rapido abbandono dell’energia atomica e la conseguente svolta energetica. Lo spegnimento precipitoso delle centrali nucleari potrebbe innescare un ulteriore aumento dei costi dell’energia rispetto ai provvedimenti previsti dalla Strategia energetica 2050. Le lacune di energia elettrica conseguenti all’uscita immediata dal nucleare, infatti, renderebbero necessaria l’accelerazione dello sfruttamento delle energie rinnovabili. Per gli albergatori, i costi aggiuntivi che verrebbero così a crearsi - accanto alla maggiore dipendenza dall’estero e alla mancata garanzia della sicurezza di approvvigionamento - costituirebbero un elevato onere finanziario. Ecco perché hotelleriesuisse si pronuncia contro l’iniziativa.

Indietro alla panoramica