Ihre Browserversion ist veraltet und wird nicht länger unterstützt. Bitte aktualisieren Sie Ihren Browser.

Trend di distribuzione nel settore alberghiero svizzero: boom del mercato online

Berna, 14.08.2014

Nel 2013, un pernottamento su cinque in Svizzera è stato prenotato mediante piattaforme online. Al contempo, i pernottamenti venduti direttamente dagli alberghi ai clienti sono ancora circa i due terzi di tutte le prenotazioni. È quanto rivela un sondaggio dell'Istituto per il turismo della Scuola universitaria professionale della Svizzera occidentale Vallese (HES-SO Vallese) condotto in Svizzera e in Europa per conto dell'associazione alberghiera europea HOTREC e patrocinato da hotelleriesuisse.

Con una quota pari al 64% di tutti i pernottamenti registrati in Svizzera nel 2013, i canali di prenotazione diretta come telefono, walk-in, e-mail o modulo sul proprio sito Internet si sono confermati, ancora una volta, gli strumenti di vendita di gran lunga più utilizzati nel settore alberghiero svizzero. Al contrario, l'importanza delle organizzazioni turistiche (2,5%) o dei classici operatori del settore come agenzie di viaggio, tour operator o catene alberghiere (10%) ha subito un calo.

Piattaforme turistiche online (OTA): Booking leader indiscusso

Nel 2013, nel settore alberghiero svizzero quasi 1 pernottamento su 5 (19,4%) è stato prenotato mediante piattaforme turistiche online. Negli ultimi tre anni Booking, il portale più gettonato di prenotazione online, ha aumentato la sua quota di mercato in Svizzera passando dal 53% nel 2011 al 70% nel 2013. Con una quota ciascuna pari a circa il 10% di tutte le prenotazioni effettuate mediante OTA, HRS ed Expedia dominano il mercato subito dopo Booking. In generale, la quota dei canali elettronici di distribuzione (OTA, sistemi di distribuzione globale e prenotazioni in tempo reale mediante il sito dell'albergo) è stata pari a circa un terzo.

Wi-Fi gratuito nell'80% delle strutture alberghiere

Il trend verso Internet mobile continua a farsi sentire nel settore alberghiero svizzero. Nel 2013, il 45% delle strutture (2012: 40%) era dotato di un sito web o di un'applicazione mobile per le prenotazioni. Oggi quasi tutti gli alberghi (94%) dispongono di un proprio sito Internet e l'80% consente ai propri ospiti di utilizzare gratuitamente la propria rete Wi-Fi. Tuttavia, relativamente agli approcci innovativi nel settore della tecnologia informatica e della comunicazione, l'industria ricettiva svizzera dominata dalle piccole e medie imprese ha ancora un grande potenziale da esprimere. Mentre un albergo su due dichiara di possedere un moderno software gestionale (PMS), solo l'8,2% di tutte le strutture sfrutta soluzioni basate sul web. Inoltre, solo il 9% delle aziende del settore si affida a una soluzione eCRM per la gestione delle relazioni con i clienti.

Contesto dello studio

Il divieto imposto a HRS dall'autorità garante della concorrenza (Bundeskartellamt) in Germania e Austria di applicare la clausola della nazione più favorita ha richiamato l'attenzione sull'importanza vitale della distribuzione online per il settore alberghiero europeo. A inizio 2014, sotto l'egida dell'associazione mantello europea di alberghi, ristoranti e caffè HOTREC, le associazioni alberghiere in Europa (in Svizzera hotelleriesuisse e GastroSuisse) hanno avviato per la prima volta un sondaggio comune e unitario sullo status quo nel settore della distribuzione alberghiera. Lo studio è stato condotto in collaborazione con l'Istituto per il turismo (ITO) della Scuola universitaria professionale della Svizzera occidentale Vallese (HES-SO Vallese) di Sierre/Siders.

Dal 2003 i ricercatori dell'ITO conducono regolarmente sondaggi sugli sviluppi dei canali di prenotazione nel settore alberghiero svizzero in collaborazione con hotelleriesuisse. Questa indagine HOTREC, condotta nel periodo febbraio-aprile 2014 tra oltre 2'000 membri di hotelleriesuisse e tra gli hotel appartenenti a GastroSuisse, è basata sui risultati di 279 risposte utili.

Indietro alla panoramica