Ihre Browserversion ist veraltet und wird nicht länger unterstützt. Bitte aktualisieren Sie Ihren Browser.

La proroga dell’aliquota speciale IVA favorisce la competitività del turismo svizzero

Berna, 04.06.2013

Il Consiglio degli Stati si è allineato al Consiglio nazionale, approvando oggi la proroga dell'aliquota speciale IVA per le prestazioni nel settore alberghiero. L’aliquota speciale del 3,8 per cento limitata alla fine del 2013 resterà così in vigore fino alla fine del 2017. Visti i risvolti fiscali e politico-economici, hotelleriesuisse, GastroSuisse, la Federazione svizzera del turismo, Parahotellerie Schweiz e il Gruppo svizzero per le regioni di montagna accolgono con grande soddisfazione questa decisione.

L’attuale aliquota speciale del 3,8 per cento per le prestazioni nel settore alberghiero è limitata alla fine del 2013 dalla Legge sull’IVA. Per garantire una certa continuità, è molto importante per il settore poter mantenere questa aliquota per altri quattro anni fino al 2017. La decisione del Consiglio degli Stati – che condivide la posizione del Consiglio nazionale – garantisce che le prestazioni alberghiere continuino ad essere tassate all’aliquota speciale fino all’entrata in vigore dell'eventuale riforma dell'imposta sul valore aggiunto.

L'aliquota speciale favorisce l'export

In Svizzera, il 55 per cento circa dei pernottamenti è ascrivibile a ospiti stranieri. Pur essendo la quarta attività economica d’esportazione, il turismo non riesce però a beneficiare – a differenza di altri settori – dei vantaggi tipici dell’export, dato che le prestazioni erogate vengono prodotte e consumate all'interno del Paese. Con la decisione di oggi, il Consiglio degli Stati ha ribadito quanto l'aliquota speciale IVA sia importante per promuovere sul fronte dell’offerta l’esportazione delle prestazioni turistiche. Ad approfittarne saranno in particolare le regioni più periferiche con un'elevata quota turistica sul valore aggiunto.

Pari opportunità grazie all’aliquota speciale

Il difficile contesto economico nei principali mercati di provenienza e in particolare l’elevato livello dei costi continuano a gravare sul turismo svizzero. L’aliquota speciale è uno strumento efficace per stimolare la domanda e imprimere nuovo slancio al turismo. Attualmente rappresenta anche l'unica possibilità per alleggerire la pressione esercitata dai costi. Considerato che 24 su 27 Stati membri dell’UE godono di un’agevolazione analoga per le prestazioni alberghiere, la decisione del Consiglio degli Stati garantisce pari opportunità al settore alberghiero svizzero, contribuendo notevolmente ad incrementarne la competitività.

 

Indietro alla panoramica